I Cranberries, tra ninnananne e Dolores

Zombie dei Cranberries è l’inno di una generazione. Dolores O’Riordan è invece la sua voce.

I Cranberries, tra Ninnananne e Dolores
I Cranberries a Limerick: Dolores, i fratelli Hogan e il batterista Fergal Lawler

Ascolta la puntata di Gonna Rock IULM Out dei The Cranberries

I Cranberries, tra salse e postit

Quando si parla della band di Limerick, inevitabilmente si finisce a raccontare la storia, un po’ benedetta un po’ maledetta, della sua frontman.

Sono stati infatti i virtuosismi della vocalist irlandese, unito a un estro compositivo non privo di momenti di grazia, a cogliere le migliori eredità del Celtic Rock.

Originariamente non era peró Dolores la cantante dei Cranberry Saw-us. Pare impensabile, ma a dir la verità, il compagno musicale dei fratelli Hogan (basso e batteria) era un uomo, Niall Quinn.

A salvare il gruppo, dopo l’abbandono del precedente leader, fu un postit nel quale proprio Quinn segnalava un’amica che avrebbe potuto prendere il suo posto.

Tradizione e ninnananne spensierate

Un po’ ninnananne dal sapore di Lepricauni e prati verdi. Un po’ ballad struggenti o autoironiche in stile U2, o ancora con la potenza strumentale della tradizione folk alla Dubliners. Gli Album dei Cranberries sono estremamente vari.

C’è è il crescendo sognante e un po’ malinconico di Linger, su cui attaccano chitarra e basso. Il rock speranzoso e incalzante di Dreams, un titolo fortunato nel mondo del Rock. Il lamento sorridente di Animal Instinct.

I Cranberries, tra Ninnananne e Dolores
La copertina del singolo Zombie, dall’album Everybody is doing it, so why can’t we?

Ci sono poi le melodie leggere, quelle che fanno appello alle memorie spensierate vissute o solo immaginabili. Tra esse rientra a pieno titolo Just My Imagination.

Il sussurro carezzevole di Dolores è capace di passare da un brano all’altro senza perdere mai il proprio incantamento. Anche laddove il racconto è tutt’altro che fatato.

What’s in your head, Zombie

Uscita nel 1993, Zombie è così rappresentativa per il periodo nel quale è nata, dal momento che coglie a piene mani l’attualità.

Il pretesto del testo è la Rivolta del Pasqua avvenuta nell’Irlanda del Nord del 1916. Tuttavia, il vero motivo ispiratore è molto più vicino: l’attentato dell’IRA nella città inglese di Warrington.

La tensione tra Grand Bretagna e le frange indipendentiste dell’Irlanda era talmente sentita da ispirare almeno altri grandi pezzi della storia del Rock, da Sunday Bloody Sunday a The Town I Loved so Well di Phil Coulter del 1973.

I Cramberries sembrano voler chiudere il cerchio. Attingono infatti dall’immaginario di entrambi i testi per innestarlo in quello della guerra interna e mediatizzata degli anni ’90.

Il riff cupo del basso e il grido disperato della chitarra. E poi Dolores che entra, quietando la musica e inquietando chi ascolta. È lei, più che il testo, a narrare autenticamente il dolore di un epoca.

Dolore che incarnerà e recherà con sé fino alla fine. Che ha saputo incarnare, con la stessa efficacia con cui ci svuotava il cuore in un allegra serata di giugno. Dolores, nomen omen.