MITO SettembreMusica. I concerti tornano in città

Gradualmente le persone e le città cercano di tornare alla normalità. Riaffiorano infatti i primi eventi che da sempre popolano le grandi metropoli. Uno dei primi eventi post-covid, che troviamo nel mese di settembre a Milano e Torino, è MITO SettembreMusica.

MITO SettembreMusica

La storia di MITO

MITO SettembreMusica nasce nel 2007 dal Festival Torino Settembre Musica, grazie al gemellaggio culturale tra le due importanti città. Per tutto il mese di settembre, numerosi appuntamenti di musica (antica, classica, contemporanea, jazz, rock, pop) si diffondono nei vari teatri, auditorium, chiese e piazze. Negli ultimi anni le proposte superano i cento appuntamenti al mese, con una media di minimo tre eventi al giorno.

MITO SettembreMusica
Teatro dal Verme

Il festival ha sempre rappresentato un segno di ripresa delle attività musicali di Torino e Milano alla fine dell’estate. Quest’anno però ha un significato molto forte: “fare di nuovo musica per tornare a vivere, resistere superando le difficoltà“. Il ritorno di MITO stavolta simboleggia il recupero da parte nostra e delle nostre città di una dimensione di vita che ci è rimasta distante e ci è mancata per parecchi mesi.

Il tema

MITO SettembreMusica quest’anno ha scelto il tema degli “spiriti“, dato che è ad essi che la musica ci collega. Il tema è diventato ancora più significativo a causa della pandemia. Quest’edizione sarà utile a far capire al pubblico quanto la musica ci unisce e a rendere insignificanti quei cento centimetri che ci separano dalle persone che ci circondano.

Per la prima volta, purtroppo, non ci saranno artisti stranieri, a causa dei vincoli internazionali. Questo fattore ha però permesso di valorizzare ancora di più i talenti del nostro paese.

La nostra esperienza

Siamo andati settimana scorsa al Teatro Dal Verme al concerto Lo spirito della nona, un brano trascritto per due pianoforti da Liszt, anche se la versione originale di Beethoven prevedeva un’orchestra integrata da quattro cantanti e da un coro. I due pianisti, Bruno Canino e Antonio Ballista, hanno eseguito una performance eccellente, incantando il pubblico per più di un’ora.

MITO SettembreMusica
Bruno Canino e Antonio Ballista durante la performance
Bruno Canino e Antonio Ballista durante la performance

Liszt con questa trascrizione è stato capace di cogliere l’essenza della composizione di Beethoven. Permette di mostrare come il pianoforte sappia farsi orchestra, facendo emergere l’architettura, l’intreccio delle voci, la stoffa della composizione e il virtuosismo.

Al di là della tipologia musicale, è stato significativo vedere una platea distanziata a causa del rischio di contagio che tanto ci ha allontanato in questi mesi, ma al tempo stesso così unita dalle note musicali che risuonavano nel teatro.

MITO SettembreMusica
Teatro Dal Verme