I villeggianti: il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi, dal 7 marzo al cinema

L’attrice e regista italiana Valeria Bruni Tedeschi, vincitrice nella sua carriera di ben quattro premi Donatello alla miglior attrice protagonista, torna alla regia con il suo quarto lungometraggio, I villeggianti (Les estivants è il titolo originale).

In un’intervista, è stato definito da lei come un altro capitolo della sua “autobiografia immaginaria”. E in effetti, nel film è possibile trovare molti collegamenti alla sua vita privata.

Racconta, con l’aiuto in sceneggiatura di Agnès de Sacy e Noémie Lvovsky (quest’ultima anche attrice nel film, nei panni di un’amica sceneggiatrice), la storia di Anna. Regista che con famiglia, amici e personale di servizio trascorre una vacanza in una sua villa sulla Costa Azzurra. Una villa sfarzosa, lontana da ogni problema.

Anna però deve affrontare emotivamente la recente separazione dal suo compagno Luca, impersonato da Riccardo Scamarcio, e la scrittura di un suo nuovo film: è chiaro il riferimento a se stessa.

Luca (Scamarcio) e Anna (Bruni Tedeschi) in una scena del film

Lei e gli altri personaggi sono, come dice il titolo, dei veri e propri villeggianti. Tutti raffigurati come una molteplicità di solitudini, in un periodo di (apparente) svago e riposo.

Perché in realtà tutti, non solo Anna, sono alle prese con i propri fallimenti, con il dolore che la loro esistenza gli ha provocato. Allo stesso tempo però, sono capaci di ridere, anche ricordando esperienze traumatiche del passato, e di vivere, in un’atmosfera lontana dal caos del mondo che li circonda, in cui alla fine ognuno farà i conti con la propria vita.

Nel cast del film è presente, oltre ai tre sopracitati, anche Valeria Golino, nei panni della sorella di Anna, Elena. Un personaggio che come altri è afflitto dalla propria condizione, caratterizzata da relazioni sterili, ma che riesce comunque a sorridere di fronte alle perdite e alle difficoltà.

Presentato fuori concorso allo scorso festival di Venezia, quest’ultimo lavoro di Valeria Bruni Tedeschi è un inno alla vita, anche nelle sue sfumature più tormentate. Inoltre racchiude un po’ l’intero cinema dell’attrice, e ciò che caratterizza alcuni dei personaggi da lei impersonati nella sua carriera.

Il film sarà nelle sale dal 7 marzo.