City of lies: il nuovo film diretto da Brad Furman, dal 10 gennaio al cinema

Russell Poole, interpretato dall’attore americano Johnny Depp, è il protagonista del nuovo film diretto da Brad Furman. Personaggio questo realmente esistito: fu il detective che indagò sugli omicidi dei rapper Tupac Shakur e The Notorious B.I.G., alla fine degli anni ’90.

I due furono entrambi assassinati a colpi di pistola, uno il 13 settembre del ’96 e l’altro il 9 marzo del ’97. Il detective Poole fu colui che più di tutti si avvicinò alla risoluzione dell’indagine. Specialmente per quanto riguarda il caso di Notorius B.I.G.

Per quest’ultimo, Poole accusò dell’omicidio l’agente David Mick e l’amico Amir Muhammad, scoprendo una rete di connessioni che coinvolgeva loro, il produttore Marion Hugh Knight, alcuni gangster e parte della polizia di Los Angeles. Dopo assidue ricerche, però, un superiore invitò il detective a non continuare le indagini. Ciò portò Russell a dare le dimissioni e a perdere fiducia nell’ambiente al quale aveva dedicato la sua vita.

Russel Poole aka Johnny Depp in una scena del film

Anni dopo, Jack Jackson, reporter dell’ABC impersonato da Forest Whitaker, contatta il detective, con il quale condividerà informazioni riguardanti i due casi e grazie al quale riuscirà a condurre una nuova indagin. Non solo con l’obiettivo di risolvere il caso una volta per tutte, ma soprattutto per consegnare alla giustizia la parte corrotta della polizia cittadina. Da qui il titolo del film, City of lies.

Il regista Brad Furman si è ispirato per questo film a Labyrinth, libro dello scrittore Randall Sullivan sulle investigazioni di Poole. Egli torna al thriller poliziesco a due anni di distanza da The Infiltrator, con Bryan Cranston. Mentre la data d’uscita negli Stati Uniti è ancora da stabilire, a causa di problemi legali che hanno visto coinvolti Johnny Depp e il location manager Gegg Brooks, in Italia uscirà nelle sale il 10 gennaio, distribuito da Notorious Pictures.